Torta alle pesche con cioccolato ed amaretti

La frutta estiva è decisamente la mia preferita, profumata, dolce e colorata.

In questo periodo ho la fissa delle pesche, ma devo sbrigarmi ed approffittarne perchè la stagione calda si è ormai conclusa e le pesche hanno i giorni contati.

Oggi quindi ….. una bella torta a base di pesche.

20130908_201603

Ingredienti:

  • 4 pesche grandi non troppo mature
  • 120 g di farina 00
  • 50 gr di gocce di cioccolato fondente (o cioccolato fondente a tocchetti)
  • 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere
  • un vasetto di yogurt bianco da 125 g
  • 60 g di amaretti
  • 170 g di zucchero di canna
  • 2 uova
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • il succo di mezzo limone
  • un pizzico di sale
  • burro q.b.

Preparazione:

Sgusciate le uova in una ciotola, unitevi lo zucchero e sbattete a lungo finchè non saranno spumose.

20130908_184640

Quindi incorporatevi la farina, unite lo yogurt, le gocce di cioccolato, il cacao in polvere, gli amaretti sbriciolati grossolanamente, un pizzico di sale e lo lievito e mescolate per bene.

20130908_185713

Sbucciate, tagliate a spicchi le pesche e spruzzatele con mezzo limone in modo che non si anneriscano.

Disponete il composto in uno stampo a cerniera precedentemente imburrato.

20130908_190429

Adagiatevi sopra a raggiera gli spicchi di pesca (io ho messo anche un amaretto per decorazione).

20130908_191549

Prima di infornare date una leggera spolverata di zucchero di canna sulla superfice della torta.

Fate cuocere in forno preriscaldato a 200° per 30 min. coprendo la superficie della torta con una carta d’alluminio, poi toglietela e lasciatela cuocere per altri 10/15 min.

20130908_201248

Annunci
Pubblicato in Dolci. Contrassegnato da tag

Insalata d’orzo con peperoncini dolci e tacchino

Oggi ricettina light (ogni tanto ci vuole 😉 ) con un ingrediente ottimo e salutare: l’orzo.
L’orzo è un alimento estremamente importante: insieme all’avena, è il cereale con l’indice glicemico più basso. Ricco di sali minerali, proteine e amido, l’orzo ha proprietà rinfrescanti, vasocostruttrici, disintossicanti, rimineralizzanti e sedative. Alimento molto consigliato alle neo mamme perchè stimola la produzione di latte,  è adatto anche ai bambini in quanto è facilmente digeribile. Inoltre, essendo ricco di fibre, è un alimento molto saziante.
Probabilmente penserete che questo è un piatto tipicamente estivo e in effetti lo è, ma oggi desideravo mangiare qualcosa di fresco e visto che le temperature sono ancora gradevoli, ne ho approffittato ed ho preparato questa gustosa insalata che è una valida alternativa alla solita insalata di riso, uno di quei piatti che possiamo preparare anche la sera prima e che ci permettono di godere appieno delle giornate di sole senza stare troppo attaccati ai fornelli.
20130613_195706
Ingredienti per 4 persone:
  • 200 gr di orzo perlato
  • 200 gr di peperoncini dolci
  • 200 gr di tacchino o pollo
  • sale q,b,
  • olio q.b.
  • il succo di 1 limone

Preparazione:

Sciacquate sotto acqua corrente l’orzo perlato,

20130613_184426

poi cuocetelo in abbondante acqua salata per 30/40 minuti.

20130613_191302

Nel frattempo lavate e tagliate a piccoli pezzetti i peperoncini.
20130613_193150
Cuocete il petto di tacchino in una padella antiaderente (io non ho usato condimento, ma potete mettere un filino d’olio se preferite)
20130613_193155
Fatelo raffreddare e tagliatelo a pezzetti.
20130613_193903
Cotto l’orzo, scolatelo
20130613_193142
e mescolate agli altri ingredienti.
20130613_194729
Condite con un emulsione preparata con il succo del limone, olio e un pizzico di sale e servite.
P.s.: E’ ottimo anche tiepido.

Petto di faraona ripieno con salsa al barbera e ciliegie

Un secondo originale, di quelli che piacciono a me, con sapori contrastanti di dolce e salato, ma perfettamente equilibrati.

Questa ricetta l’ho vista preparare in diretta alla prova del cuoco da un grande maestro in cucina Andrea Ribaldone e come al solito ispirata dalla bontà “visiva” del piatto e presa dalla curiosità, non ho potuto resistere e l’ho riprodotta.

E’ davvero ottima, un gusto sorprendente …. un abbinamento azzeccato e geniale di ingredienti.

20130607_203500

Ingredienti:

Preparazione:

Fatevi preparare dal vostro macellaio due petti di faraona, conservando i filettini centrali che vi serviranno per la farcitura.

20130607_180526

Il mio macellaio (Davide dell’Argal) mi ha gentilmente prestato un oggetto utilissimo per la preparazione di questo piatto …. un ago enorme apposta per cucire la povera malcapitata faraona 🙂

20130607_180611

Cucire non è esattamente la cosa che mi riesce meglio, ma devo dire che (come vedrete più avanti) me la sono cavata egregiamente.

Detto questo, procedete con la farcitura della faraona.

Tagliate finemente i filettini ricavati dai due petti di faraona, riducendoli a piccoli tocchetti e unite i 3/4 del gorgonzola, tagliato anch’esso a piccoli pezzi (l’altra parte vi serivrà per condire l’insalatina)

20130607_181547

mescolate per bene e farcite i petti di faraona.

20130607_181753

Chiudete i due petti a libro e cuciteli con dello spago da cucina (se non siete provvisti di ago e spago specifici, potete tranquillamente chiudere i petti di faraona con degli stuzzicadenti).

20130607_182316

In padella, fate scaldare un goccio d’olio;

20130607_194337

mettete a rosolare a fiamma bassa e da entrambi i lati, i petti di faraona farciti.

20130607_194802

Quindi, trasferiteli in forno, per 20 minuti, a 150°.

20130607_200115

Intanto che attendete la cottura dei petti di faraona, preparate il condimento:

In padella, a fiamma viva, mettete del vino barbera, l’aceto balsamico e lasciate evaporare per qualche secondo,

20130607_200253

quindi aggiungete 3/4 delle ciliegie bel lavate e private del picciolo (le altre tenetele da parte per l’insalatina);

20130607_184228

infine, unite un po’ di burro, per legare.

20130607_200831

Quando la salsina sarà abbastanza ristretta togliete dal fuoco e tenete al caldo.

Preparate l’insalatina:

Lavate l’insalata e aggiungiungete le ciliegie denocciolate e il gorgonzola che avete tenuto da parte. Condite moderatamente con olio, sale e aceto balsamico

20130607_184712

Una volta sfornati i petti di faraona, scaloppateli e adagiateli su dei piatti da portata.

20130607_202713

Servite i petti di faraona farciti con la salsa al barbera e ciliegie, e l’insalatina.

Questo piatto, oltre ad allietare la vista, lascierà piacevolmente soddisfatto anche il vostro palato.

Provare per credere 😉

Sformatino del buongustaio

Questo è un piatto che trovo delizioso e nella sua semplicità fa un gran bel figurone 🙂

Gli sformatini di queste dimensioni hanno un bell’aspetto e sono porzioni perfette per grandi e piccini.
Sono cotti in forno a bagnomaria e restano meravigliosamente soffici.

20130523_195513

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 mazzetto di asparagi
  • 100 gr di panna fresca
  • 100 gr di petto di pollo lessato
  • 1 albume
  • 50 gr di parmigiano grattuggiato
  • sale q.b.
  • burro q.b.
  • pangrattato q.b.

Preparazione:

Pulite gli asparagi, lavateli, lessateli in abbondante acqua salata e tenete da parte le punte.

20130523_182808

Tagliateli a pezzetti

20130523_184547

Tagliate a tocchetti anche il petto di pollo lessato e leggermente salato (io lo cuocio in una padella antiaderente senza condimento)

20130523_184705

Frullate gli asparagi ed il petto di pollo

20130523_184947

Unite ora la panna, il parmigiano e l’albume montato a neve ben ferma

20130523_190016

Distribuite il composto in 4 stampini imburrati e cosparsi di pangrattato.

20130523_190625

20130523_190839

Cuoceteli a bagnomaria in forno a 190° per circa 30 minuti

20130523_194835

Sformateli e serviteli decorati con le punte di asparagi.

Cannelloni di ricotta con pane carasau

Oggi qui piove e fa frescolino, iniziamo prima del tempo con le domeniche tristi e uggiose caratteristiche dell’autunno, ma per allietare e rendere un po’ meno malinconica la giornata, basta un buon pranzo e un delizioso profumo in cucina per respirare subito un’aria diversa.

Un piatto che si addice perfettamente alla giornata….. dei cannelloni fatti con il pane carasau, facili e veloci, ideali per gustare una pasta al forno un po’ diversa dal solito, ma altrettanto buona.

Questa è una ricetta che ho visto fare in una puntata della Prova del cuoco e che ha attirato la mia attenzione. Dopo averla provata, devo dire che mi è piaciuta e l’ho già ripetuta parecchie volte.

20130609_125048

Ingredienti:

  • 4 dischi di pane carasau
  • 500 gr di ricotta
  • 1 uovo
  • 50 gr di parmigiano grattugiato
  • prezzemolo q.b.
  • Noce moscata q.b.
  • 250 gr di sugo di pomodoro pronto
  • 200 ml. di besciamella
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Per la besciamella:

  • 300 ml di latte
  • 20 gr di farina
  • 20 gr di burro
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • noce moscata q.b.
Procedimento:

Lavorate la ricotta fino ad ottenere un composto liscio.

20130609_111158

Incorporate l’uovo, il parmigiano (lasciarne un cucchiaio) e abbondante prezzemolo tritato, una grattugiata di noce moscata, sale e pepe.

20130609_111507

Amalgamate tutto e mettete il composto in frigo.
Preparate la besciamella:

Fate sciogliere il burro in un pentolino,

20130517_133320

togliete dal fuoco unitevi la farina e amalgamate per bene.

20130517_133749

Versate ora il latte lentamente, mescolando con una frusta in modo che non si formino grumi.

20130517_134040 20130517_134206

Amalgamate bene e rimettete sul fuoco basso, aggiungendo un pizzico di sale, noce moscata e poco pepe.

Mescolate di continuo e lasciate scaldare per circa 15 minuti, fino a quando la besciamella non si sarà addensata.

20130517_140219

Preparate ora i cannelloni:
Bagnate i fogli di pane carasau in acqua bollente,
20130609_111839
immergendoli per 5-6 secondi, stendeteli sul piano di lavoro e lasciateli ammorbidire per 2 minuti.
20130609_112157
Farcite con il composto di ricotta.
20130609_112232
Arrotolate a cannellone e disponeteli in una pirofila dove, precedentemente sarà stato messo qualche cucchiaio di besciamella.
20130609_112934
Allineate i cannelloni e coprite con il sugo ed il resto della besciamella.
20130609_113217
Spolverizzate con il parmigiano avanzato
20130609_113315
Mettete in forno preriscaldato a 200° per 20 minuti.

20130609_125551

Peperoncini piccanti ripieni di tonno, acciughe e capperi

Questo è il periodo delle sagre e delle feste di paese e proprio l’altra sera sono andata alla sagra del peperone a Carmagnola (un paese qui dalle mie parti) e quando ho visto i peperoncini tondi, non ho saputo resistere alla tentazione di acquistarli.

Questa è una di quelle ricette che (almeno per me) quando inizi a preparare ti domandi … :”Ma chi me l’ha fatto fare?!” Si, perchè quando pulisci il primo peperoncino ti rendi conto di tutto il lavoro che ti aspetta 😦

Ma visto che sono sadica, tornassi indietro lo rifarei e sicuramente li rifarò, perchè danno certamente molto lavoro, ma credetemi che il risultato ripaga tutta la fatica fatta, perchè sono eccezzionali! 🙂

L’unica accortezza (se decidete di cimentarvi nell’impresa) è quella di pulirli rigorosamente con dei guanti a meno che vogliate trovarvi con delle mani “infuocate” ed io la prossima volta mi munirò anche di mascherina, perchè ad un certo punto ho iniziato a tossire e starnutire come una pazza.

Cosa non si fa per viziare il palato e il marito 😉

20130907_155243

Ingredienti per 3 barattoli da 500 ml:

  • 1 kg di peperoncini tondi piccanti
  • Olio 600 ml circa

Ingredienti per il ripieno:

  • 8 filetti di acciughe sott’olio
  • 4 cucchiai di capperi sott’aceto
  • 400 gr di tonno sott’olio (sgocciolato)

Ingredienti per la cottura dei peperoncini:

  • 500 ml di aceto di vino bianco
  • 500 ml di vino bianco
  • 4 foglie di alloro
  • 12 grani di pepe misto
  • 1 cucchiaio di origano
  • 6 bacche di ginepro
  • 6 chiodi di garofano
  • sale q.b.

Preparazione:

Lavate i peperoncini piccanti,

20130906_203801

togliete il picciolo con l’aiuto di un coltello e con il manico di un cucchiaino scavateli e svuotateli completamente.

20130906_221823

Versate in una casseruola il vino bianco, l’aceto e aggiungete le spezie e il sale, poi portate il tutto a ebollizione

20130906_225459

al primo bollore, buttateci dentro i peperoncini e fateli cuocere per 3-4 minuti a fuoco dolce,

20130906_230204

poi scolateli e poneteli capovolti su di un canovaccio pulito (o carta assorbente da cucina) ad asciugare per alcune ore (i peperoncini devono essere molto asciutti, perché più asciutti saranno e più si conserveranno), meglio se per tutta una notte.

20130906_230904

Preparate il ripieno dei peperoncini, ponendo in un mixer il tonno, i capperi e le acciughe;

20130907_143045

usate il mixer solo per qualche istante, giusto il tempo che serva affinchè gli ingredienti si amalgamino, facendo attenzione però che il tonno non perda la sua fibra diventando cremoso.

Togliete il composto e ponetelo in una ciotola e amalgamatelo per bene.

20130907_143436

Con l’aiuto di un piccolo cucchiaino, riempite i peperoncini uno ad uno.

20130907_151359
Prendete dei vasetti sterilizzati e riempiteli con i peperoncini ripieni, avendo cura di posizionarli ben dritti con la parte bucata verso l’alto;

20130907_152508

riempite i vasetti di olio fino a coprirli completamente,

20130907_152914

poi tappateli e poneteli in un luogo fresco, asciutto e buio.

20130907_154116

I peperoncini piccanti ripieni di tonno acciughe e capperi, se ben conservati, si mantengono anche per un anno.

P.s.: Credo che noi li finiremo molto prima 😉

Coniglio in crosta di pistacchi

I bocconcini di coniglio avvolti da una croccante e saporita panatura di pistacchi tostati: una ricetta per preparare il coniglio in maniera un po’ diversa dal solito.

Per chi non amasse la carne di coniglio, può essere sostituita da carne di pollo o di tacchino (anche più veloci da preparare, perchè non necessitano di marinatura).

20130604_201408

Ingredienti:

  • 500 gr di lombata di coniglio disossata (dell’ Argal di Meini Davide)
  • 60 gr di pistacchi tostati (io ho utilizzato quelli non salati)
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 1 albume d’uovo
  • 2 bicchieri di vino bianco
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • 1 cipolla piccola
  • olio q.b.
  • sale q.b.

Preparazione:

Per preparare il coniglio in crosta di pistacchi, prima di tutto chiedete al vostro macellaio di fiducia (io mi sono affidata come al solito a Davide dell’Argal) di prepararvi la carne già tagliata a tocchetti.

20130604_141649

Fate marinare i tocchetti di coniglio nel vino, con il sedano, la carota, la cipolla ed il rosmarino.

20130604_142052

Coprite con la pellicola e fate riposare il più a lungo possibile.

Togliete il coniglio dalla marinatura e asciugatelo per bene.

20130604_193703

Sgusciate i pistacchi 

20130604_182033

Tritate in un mixer i pistacchi (non troppo finemente) e aggiungete il pangrattato

20130604_182245

mescolate bene gli ingredienti per ottenere una panatura omogenea.

Intingete i bocconcini nell’albume d’uovo, una alla volta,  prestando attenzione a ricoprire tutta la superficie della carne, quindi impanateli con la panure preparata, pressando bene su tutti i lati, in modo da ottenere una panatura il più possibile uniforme.

20130604_194027

20130604_194801

Cuoceteli in una padella antiaderente con abbondante olio caldo, da entrambi i lati finchè non risultino ben cotti e leggermente dorati e salate (moderatamente se avete utilizzato pistacchi salati).

20130604_195016

Scolate i bocconcini, e metteteli ad asciugare su un foglio di carta assorbente

Servite immediatamente, accompagnando con contorno a piacere.

Io li ho serviti con zucchine grigliate e condite con sale, olio e prezzemolo.