Frittelle di patate

Mi sono sempre piaciute le frittelle di patate e quando da bambina mia mamma domandava: “Erika facciamo le frittelle!?” io m’illuminavo e annuivo come se mi avessero proposto la cosa più bella a questo mondo. Non vedevo l’ora che arrivasse il momento di sedermi a tavola per gustarle.

Ora cerco per quanto possibile di evitare i fritti, ma ogni tanto un piccolo peccatuccio me lo concedo 😉

20131118_194143

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

  • 4 patate
  • 2 uova
  • 100 grammi di parmigiano grattuggiato
  • olio per friggere q.b.
  • sale q.b.

PROCEDIMENTO

Sbucciate le patate, lavatele, asciugatele e grattuggiatele con una grattugia a fori grossi.
20131118_192010
Mettetele all’interno di uno strofinaccio pulito e  strizzatele per estrarre tutta l’acqua possibile.
Trasferite le patate in una ciotola e unitevi le uova e il parmigiano, salate e amalgamate per bene tutti gli ingredienti.
20131118_192356
Fate cadere a cucchiaiate l’impasto nell’olio bollente e friggete le frittele un po’ alla volta, facendole dorate per bene da entrambi i lati.
20131118_193101  20131118_193338
Una volta pronte mettetele su di un piatto con della carta da cucina assorbente per eliminare l’unto in eccesso e servite immediatamente.
20131118_193904
Queste frittelle sono molto versatili, pertanto potete aggiungere a piacere gli ingredienti che più preferite, dagli aromi: rosmarino o prezzemolo tritati, agli affettati ridotti in piccoli pezzettini.

Biscottini all’arancia … il profumo della solidarietà

Con questa ricetta aderisco ad una lodevole iniziativa promossa da La Cucina Italiana per sostenere nel mio piccolo l’AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) nella campagna LE ARANCE DELLA SALUTE

Sabato 25 gennaio torna l’appuntamento con le “Arance della Salute”, scelte dall’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro come simbolo dell’alimentazione sana e protettiva.

20140124_122312

INGREDIENTI PER CIRCA 50 BISCOTTINI:

  • 100 gr di succo di arancia (1 grossa arancia)
  • 100 gr di olio di oliva
  • 100 gr di zucchero a velo
  • 400 gr di farina 00
  • 50 gr di fecola di patate
  • 2 tuorli d’uovo
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • la scorza grattuggiata di 1 arancia

PROCEDIMENTO:

Spremete l’arancia, pesate il succo ottenuto in modo da ricavarne 100 gr e mettetelo in una ciotola

20140124_105520

Unite al succo di arancia, l’olio e lo zucchero a velo e mescolate per bene.

20140124_105604

Aggiungete ora la farina 00, la fecola di patate e lo lievito dopo averli passati al setaccio, i tuorli e la scorza dell’arancia grattugiata.

20140124_110305

Lavorate per bene il composto fino a quando non otterrete un panetto omogeneo e morbido

20140124_111039

Coprite il panetto con la pellicola da cucina e lasciate riposare in frigorifero per 30 minuti.

Trascorso il tempo di riposo, stendete l’impasto con un mattarello su di un foglio di carta da forno e con delle formine ritagliate dei biscotti.

20140124_113944

Trasferite i biscotti su di una teglia foderata con carta da forno e cuoceteli a 170° per 10/12 minuti.

20140124_114828

Una volta sfornati lasciate raffreddare e spolverizzate a piacere con zucchero a velo.

Potete preparate questi deliziosi biscottini e gustarveli durante una pausa di relax accompagnati da una fumante tazza di tè.

Anche i bimbi ne saranno felici, potranno fare una sana merenda accompagnata da una buona spremuta d’arance.

Ricordate quindi sabato 25 gennaio di cercare la piazza più vicina a voi, dove troverete le arance per preparare questi biscotti e tante altre buone ricette.

Le arance fanno bene alla salute e in questo caso sostengono anche un’ottima causa.

airc_arance_14

Arista di maiale alle mele

Oggi vi propongo una ricetta semplice, ma di sicuro effetto, ideale per il pranzo della domenica o per un’occasione speciale.

L’arista alle mele, un piatto che arriva dal Trentino, terra delle mele, ha un sapore agrodolce che si sposa bene con la carne di maiale.

Qualche curiosità:

“L’arista è uno dei migliori tagli del suino, magra, tenera è la base di tanti piatti tipici regionali. La carne di maiale oltre che essere gustosa e molto versatile, apporta molte proteine ed aminoacidi indispensabili agli esseri umani. Infatti viene consigliata nelle diete moderne per sostituire le fettine di manzo troppo ricche di colesterolo. E’ la parte della lombata centrale, povera di grassi dalla polpa rosa e gustosa, adatta anche ai bambini.”

20140110_144203

Ingredienti per 6 – 8 persone:

  • 1 kg circa di arista di maiale disossata, possibilmente legata con uno spago, per far sì che mantenga bene la forma e sia più semplice da tagliare (io per questo mi sono affidata come al solito al mio macellaio di fiducia l’ Argal di Meini Davide)
  • 2 mele farinose (3 se volete presentare il piatto come ho fatto io)
Arista di maiale dell'Argal di Meini Davide

Arista di maiale dell’Argal di Meini Davide

  • 400 ml di brodo vegetale
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 cipolla piccola
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • aromi per arrosti q.b.
  • olio d’oliva q.b.
  • burro q.b.

Procedimento:

Massaggiate l’arista con un intingolo di olio, sale, pepe nero e 1/2 cucchiaino di aromi per arrosti, così che insaporisca per bene.

20140110_11260420140110_112810

Mettete un po’ di olio ed una noce di burro in una pentola abbastanza grande per contenere la carne, fate scaldare a fuoco lento e adagiate l’arista nell’olio caldo.

20140110_11243220140110_113032

Fatela rosolare bene su ogni lato, in modo da sigillarla con l’olio caldissimo per far si che i succhi rimangano tutti all’interno (facendo così la carne rimarrà bella morbida e saporita). Versate il vino bianco e lasciate sfumare.

20140110_11354820140110_114143

A questo punto aggiungete le mele sbucciate e tagliate a tocchetti, la cipolla tritata e il brodo bollente.

20140110_11431220140110_114626

Fate cuocere la carne a fuoco medio per circa 2 ore, controllandola ogni tanto.  Aggiustate di sale e aggiungete del brodo (se necessario).

A cottura ultimata, sollevate l’arrosto, poggiatelo su un tagliere, lasciate raffreddare, eliminate lo spago e affettatelo.

20140110_132458

20140110_142425

Frullate ora il fondo di cottura e se necessario mettete sul fuoco ad addensare (se troppo liquido aggiungete un cucchiaio di fecola di patate o farina)

20140110_13235220140110_132336

Servite l’arista ben calda su di un piatto da portata, accompagnandola con la sua salsa e fettine di mele.

Mi raccomando di tagliare le mele di accompagnamento solo all’ultimo minuto per evitare che si scuriscano.

Ma quant’è buono il maialino con le mele?! 😉

Semplicemente squisito!!!!

Torta di mele senza burro

LA MIA CUCINA SEMPLICE

Il classico dei classici, una ricetta appuntata su di un foglietto svolazzante anni e anni fa quando ancora ero una bambina e mi avvicinavo incuriosita al mondo della cucina. Non potevo non inserirla qui sul blog è anche un po’ grazie a questa torta che sono iniziati i miei esperimenti.

Una torta buona e genuina, facilissima da realizzare e ideale per una colazione energizzante o per una sana merenda. Ottima accompagnata da un bel bicchiere di spremuta di arance.

20140120_190303

INGREDIENTI:

  • 3 mele
  • 2 uova
  • 200 gr di zucchero
  • 300 gr di farina
  • 1/2 bicchiere di olio
  • 1 yogurt (bianco o quello che avete in casa)
  • un pizzico di sale
  • 1/2 bicchiere di latte
  • 1 bustina di lievito
  • la scorza di 1/2 limone grattuggiata

PROCEDIMENTO:

Sgusciate le uova in una ciotola, unitevi lo zucchero e sbattete a lungo finchè non saranno spumose.

20140120_16455920140120_165143

Quindi incorporatevi la farina, alternandola con qualche cucchiaiata di latte, unite lo yogurt, l’olio, un…

View original post 120 altre parole

Torta di amaretti soffice

Si dice che cucinare sia un po’ come amare ed è proprio così, infatti non sempre si cucinano piatti che rientrano nei nostri gusti, ma sovente si cucina per il semplice desiderio di rendere felici e soddisfare le persone che amiamo. E’ proprio il caso di questa torta, che piace molto in famiglia, ma che io non amo particolarmente in quanto gli amaretti non sono proprio tra i miei biscotti preferiti.

In ogni caso per gli amanti di questi biscotti consiglio di provarla, perchè è davvero soffice e non troppo dolce è soprattutto di facile esecuzione, ideale per un tè pomeridiano o per la colazione.

20140115_142251

INGREDIENTI:

  • 4 uova
  • 250 gr di zucchero
  • 150 gr di farina 00
  • 150 gr di fecola di patate
  • 1/2 bicchiere di olio d’oliva
  • 100 ml di vino passito
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 15 amaretti croccanti
  • qualche amaretto per la decorazione (facoltativo)
  • sale q.b.
  • burro q.b.

PROCEDIMENTO:

Mettete gli amaretti in un sacchetto per alimenti e triturateli grossolanamente, pestandoli con il batticarne.

20140115_122619 20140115_122931

20140115_123041

Rompete le uova, separate i tuorli dagli albumi, quindi montate questi ultimi a neve ferma con lo sbattitore elettrico.

20140115_123324

Unite i tuorli allo zucchero e montate il tutto. Versate poi l’olio di oliva e il vino passito e amalgamate bene.

20140115_123430 20140115_123712

20140115_123808 20140115_123832

A parte, unite le due farine e lo lievito, quindi aggiungetele ed incorporatele poco alla volta nell’impasto di tuorli.

20140115_122539 20140115_124031

Aggiungete un pizzico di sale, quindi utilizzando la spatola, incorporate delicatamente gli albumi montati e metà degli amaretti.

20140115_124532 20140115_124811

Trasferite metà dell’impasto in una teglia a cerniera da 24 cm già imburrata, aggiungete gli amaretti rimasti e copriteli con l’altra metà di impasto.

20140115_125315 20140115_125431

20140115_125607

Cuocete in frono preriscaldato per 45/50 minuti, quindi sfornate, lasciate raffreddare, decorate a piacere con degli amaretti e servite.

20140115_141317

Per la preparazione di questa torta ho seguito una ricetta di Anna Moroni della Prova del Cuoco, apportando alcune personali modifiche.

Gnocchi di zucca

La zucca è tipicamente autunnale, ma finchè sui banchi del mercato e nei supermercati trovo questo squisito ortaggio non posso fare a meno di acquistarlo per prepararci qualcosa di buono.

Oggi ho pensato a questi gnocchi che sono una variante sfiziosa dei soliti gnocchi di patate.

L’aggiunta della zucca dona agli gnocchi un colore invitante e un gusto delicato.

Sono ottimi con un semplice condimento di burro fuso e parmigiano o burro e salvia per non coprirne troppo il sapore oppure per chi non gradisse particolarmente il dolciastro della zucca, andrebbero bene anche con un condimento più saporito come una salsa al gorgonzola.

20131213_190902

INGREDIENTI per 3/4 persone:

  • 300 gr di zucca
  • 300 gr di patate
  • 150 gr di farina
  • 1 uovo
  • sale q.b.
  • noce moscata q.b.
  • pepe q.b.
  • burro q.b.
  • parmigiano grattuggiato q.b.

PROCEDIMENTO:

Pulite la zucca, tagliatela a fette sottili di circa un cm di spessore, adagiatele su di una teglia foderata con carta da forno coprendole con un altro foglio di carta da forno e cuocete in forno caldo per 25 min. a 180°.

20131213_170537

20131213_174711

Lavate le patate e lessatele in abbondante acqua salata, senza eliminare la buccia.

20131213_171011

Una volta cotte lasciatele intiepidire, sbucciatele e passatele allo schiacciapatate.

Fate la stessa cosa con la zucca, dopo averla fatta scolare per bene su di un canovaccio per eliminare l’acqua in eccesso (altrimenti vi toccherà utilizzare troppa farina e gli gnocchi risulteranno duri). Potete anche farla asciugare in un padellino.

20131213_180130

Versate su un piano di lavoro la farina, amalgamate la purea di zucca e di patate, salate, mettete un pizzico di noce moscata e poco pepe.

(Per la quantità di farina dipende molto dalla qualità  della zucca e delle patate, potreste doverne aggiungere un po’ di più 180/200 gr, ma non esagerate)

Per ultimo aggiungete l’uovo e amalgamate bene fino a formare un impasto morbido.

Infarinate il panetto ottenuto e tagliatelo in 4-5 pezzi.

20131213_182422

Ricavate da ciascun panetto dei filoncini che  poi taglierete in tocchetti.

20131213_182634

20131213_185016

Lessate gli gnocchi in abbondante acqua salata, scolateli appena emergono in superficie e conditeli con burro e parmigiano o con un condimento a piacere.

20131213_190740

Insalatina con songino, pere, parmigiano e melagrana

Questo è il periodo in cui si va alla ricerca di qualche piatto leggero che ci ripulisca la coscienza e non ci faccia sentire troppo in colpa per le abbuffate ed i chili presi durante le feste Natalizie, ma non per questo bisogna rassegnarsi a piatti scialbi e privi di sapore.

Ecco quindi un’idea per un insalatina sfiziosa, facilissima e veloce da preparare, ricca di gusto e di effetti benefici per il nostro corpo.

Giusto per curiosità ve ne elenco alcuni:

  • Il songino è un vero toccasana, ricco di vitamine ed ha proprietà rinfrescanti e digestive;
  • La melagrana è ricca di minerali e vitamine ed ha proprietà antiossidanti;
  • La pera decana è ricca di zuccheri semplici a rapida assimilazione e sali minerali ed ha proprietà diuretiche, rinfrescanti e lassative;
  • Il parmigiano è un’importante fonte di proteine e di calcio, è ricco di vitamine e di minerali ed ha proprietà energizzati. Un perfetto alleato per la salute ed il benessere psicofisico.

Bhe! Che dire di più?!

Credo che a questo punto non resti altro che procurarsi tutti gli ingredienti per preparare questa “miracolosa e benefica” insalatina 😉

20140109_123148

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 gr di songino
  • 1 melagrana
  • 4 piccole pere decana
  • 120 gr di parmigiano
  • olio d’oliva q.b.
  • sale q.b.
  • glassa di aceto balsamico q.b.

Procedimento:

Lavate e asciugate bene il songino e sistematelo in piccole insalatiere monoporzione.

20131122_195006
Pelate le pere, tagliatele a pezzi e poi in piccoli tocchetti.

20131122_194949
Sgranate delicatamente la melagrana in modo da non rompere i grani.

20131122_195001

Tagliate a tocchetti il parmigiano.

20131122_195158
Distribuite sul songino, i pezzetti di pere, i tocchetti di parmigiano e i grani di melagrana.
Condite con il sale, la glassa di aceto balsamico e l’olio d’oliva (o secondo i vostri gusti) e servite.

Malloreddus alla campidanese (o quasi)

Oggi vi propongo un primo piatto (rivisitato a mio gusto) tipico della Sardegna, una terra che adoro, non solo per i paesaggi ed il mare mozzafiato, ma anche per la squisita cucina.

I malloreddus alla campidanese che sono un piatto saporito e gustoso, imperdibile per chi ama i sapori rustici.

I malloreddus, definiti anche gnocchetti sardi, sono senz’altro la più classica delle paste sarde. Hanno la forma di conchiglie rigate lunghe da circa 2 cm in su, e son fatti di farina di semola e acqua.

20131126_202018

Ingredienti per 6/8 persone:

  • 450 gr di malloreddus
  • 1 melanzana
  • 250 gr di salsiccia
  • 1/2 cipolla
  • 500 gr di pomodori ciliegino
  • vino bianco secco q.b.
  • sale q.b.
  • origano q.b.
  • olio e.v.o. q.b.
  • peperoncino (a piacere)
  • pecorino sardo grattuggiato

20131126_175431

Preparazione:

Lavate e tagliate a tocchetti la melanzana e mettetela in uno scolapasta con un po’ di sale, in modo che perda l’acqua in eccesso.

20131126_180550

Fate imbiondire la cipolla tritata in poco olio,

20131126_181908

unite la salsiccia spellata e sbriciolata, lasciandola rosolare per pochi minuti,

20131126_182329

scolate il grasso in eccesso, quindi versate il vino e lasciatelo evaporare.

20131126_182924

Unite la melanzana tagliata a dadini.

20131126_183056

Unite anche  il peperoncino, mescolate e fate insaporire 5 minuti; aggiungete i pomodori tagliati a spicchi, l’origano il sale e fate cuocere a recipiente coperto, per 20 minuti a fiamma bassa.

20131126_183353

Cuocete i malloreddus in abbondante acqua salata, una volta raggiunta la cottura desiderata, fateli insaporire qualche istante in padella con il sugo preparato e nel caso in cui il sugo risultasse troppo asciutto, aggiungete un po’ di acqua di cottura della pasta,

Servite con abbondante pecorino sardo grattugiato.

20131126_200442

Baci di dama

Allora avete salutato l’anno passato e dato il benvenuto a questo nuovissimo 2014?
Immagino di si!
Ho deciso di iniziare in dolcezza con questa ricettina dei baci di dama, dei biscottini fragranti ed irresistibili, per mandare a tutti voi mille baci virtuali, con l’augurio che sia un anno prospero, ricco di soddisfazioni, felicità, salute e ………….. pieno d’amore ❤
20131222_172411
INGREDIENTI PER 45 BACI:
  • 125 g di farina 00
  • 125 g di fecola
  • 150 g di burro
  • 60 g di zucchero a velo
  • 100 g di nocciole pelate
  • 60 g di zucchero semolato
  • 1 uovo
  • 150 g di cioccolato fondente (o al latte a seconda dei vostri gusti)

20131222_145413

PROCEDIMENTO:

Lasciate ammorbidire il burro a temperatura ambiente. Tritate finemente le nocciole con lo zucchero semolato.

20131222_145550

In una ciotola lavorate a crema il burro,

20131222_150529

incorporatevi la farina, la fecola, lo zucchero a velo, le nocciole tritate e l’uovo.

20131222_145930

Mescolate fino a ottenere un impasto omogeneo di media consistenza.

Con l’impasto ottenuto fate una palla, schiacciatela leggermente e copritela con la pellicola, quindi mettete il panetto in frigorifero a riposare almeno per un’ora.

20131222_152251

Trascorso il tempo necessario estraete l’impasto dal frigo, dividetelo in circa 80/ 90 palline tutte uguali e schiacciatele appena. Disponetele su di una teglia su cui avrete messo un foglio di carta fa forno e cuocete in forno caldo a 170° per circa diciotto-venti minuti.

20131222_161219

Una volta cotti i biscotti, fateli raffreddare su una gratella.

20131222_163508

Nel frattempo prendete il cioccolato, tagliatelo a pezzi grossi e fatelo sciogliere a bagnomaria.

20131222_163559

20131222_163845

Mettete il cioccolato sciolto in una sac-à-poche e stendetene un po’ sulla parte piatta di un biscotto, quindi richiudete con un’altro biscotto.

20131222_164724

Completati i baci di dama alle nocciole, poneteli su una gratella; quando il cioccolato si sarà asciugato, i biscottini resteranno uniti e saranno pronti da gustare!