Filetto al pepe verde

Oggi vi voglio deliziare con un piatto squisito: il filetto al pepe verde.

E’ la ricetta più tradizionale e conosciuta per cucinare il filetto ed è semplice da preparare, ma come dico sempre per tutte le cose semplici … l’importante e che i prodotti utilizzati siano ottimi e quando si tratta di carne non ho mai dubbi, perchè so che rivolgendomi al mio macellaio di fiducia L’Argal di Meini Davide, la qualità è garantita.

Qualche curiosità sul filetto:

“Il filetto è una carne magra e molto tenera che non a caso è la parte più pregiata e anche più costosa di tale animale. Anche dopo la cottura, mantiene tutta la sua tenerezza.

Si tratta di una porzione anteriore inserita sulla colonna vertebrale, vicino ai reni. Poiché tale muscolo durante la vita dell’animale non viene quasi mai allenato rimane, nel consumo, particolarmente tenero.

Il filetto è presente in tutti i quadrupedi ma quello di vitello è senz’altro il più pregiato.

Non è solo la tenerezza a determinare il costo del filetto, ma anche il fatto che si tratta di uno dei tagli più piccoli: in ogni bovino adulto non ci sono che pochi kg di filetto dunque si tratta di uno dei tagli più rari.”

Essendo una carne molto magra, si presta bene a ricette un po’ più elaborate come questa che vi vado a proporre.

20131012_133640

INGREDIENTI PER 3 PERSONE:

20131011_105253

  • 2 cucchiai di pepe verde in grani (in salamoia)
  • 2 cucchiai di senape
  • 150 ml di panna
  • 1 bicchierino scarso di brandy
  • 1 grossa noce di burro
  • sale q.b.

20131012_131332

PREPARAZIONE:

Per prima cosa schiacciate con il pestacarne un cucchiaio  di grani di pepe verde sgocciolati dalla salamoia e fateli aderire premendoli sulla superficie delle 3 fette di carne.

20131012_13150320131012_132048

Sciogliete una noce di burro in una padella antiaderente, fate scottare i filetti a fuoco vivace per un paio di minuti per lato e salate moderatamente.

20131012_132230

20131012_132401

Toglieteli dalla padella e conservateli al caldo tra due piatti.

Deglassate il sughetto rimasto con il brandy …. fate evaporare, poi unite la senape, la panna, il pepe verde rimasto e fate  addensare leggermente il tutto a fuoco moderato.

20131012_132502

20131012_132738

Mettete i filetti qualche secondo in padella, girandoli da entrambi i lati e lasciateli insaporire con il sughetto.

20131012_132852

Servite i filetti al pepe verde ben caldi e cosparsi della salsa di cottura.

Polpette di zucchine e patate

Bello, anzi bellissimo questo mondo di foodblogger, un mondo “nostro”, ma visibile a tutti, che ci accomuna e ci unisce nella nostra grande passione per la cucina e il mangiar bene.

Ci permette di confrontarci, di fare nuove amicizie e perchè no prendere spunti e provare a fare ricette viste qua e là dai nostri vicini di blog e che hanno attirato particolarmente la nostra attenzione.

Così è stato per questa ricetta e ringrazio la mia musa ispiratrice “La Greg” perchè queste polpette sono davvero ottime 🙂 Ho apportato qualche personale modifica (in base ai miei gusti), ma sono sicura che entrambe le versioni meritino di essere provate.

20130919_195928

Ingredienti per circa 20 polpette:
  • 5 zucchine medie
  • 2 patate
  • 100 gr di ricotta
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 3 cucchiai di pecorino grattugiato
  • 4 cucchiai di pangrattato
  • farina q.b.
  • sale q.b.
  • olio per friggere

Preparazione:

Lavate e mondate le zucchine e le patate; grattugiatele con una grattugia a fori medi e mettetele in uno scolapasta.

20130919_183517

Dopo averle salate copritele con un piatto sopra al quale metterete un peso. Lasciatele per almeno mezz’ora in modo che elimino l’acqua di vegetazione.

Trascorso questo tempo, strizzatele e mettetele in una ciotola insieme con la ricotta, l’uovo, i formaggi grattugiati e il pangrattato. Regolate di sale.

20130919_185736

20130919_190131

Mescolate bene gli ingredienti e ricavate dall’impasto delle palline leggermente schiacciate che passerete in un po’ di farina.

Disponete le polpette in una teglia con un filo d’olio e mettete in forno già caldo per 30 min. a 180°.

20130919_192046

Petto di faraona ripieno con salsa al barbera e ciliegie

Un secondo originale, di quelli che piacciono a me, con sapori contrastanti di dolce e salato, ma perfettamente equilibrati.

Questa ricetta l’ho vista preparare in diretta alla prova del cuoco da un grande maestro in cucina Andrea Ribaldone e come al solito ispirata dalla bontà “visiva” del piatto e presa dalla curiosità, non ho potuto resistere e l’ho riprodotta.

E’ davvero ottima, un gusto sorprendente …. un abbinamento azzeccato e geniale di ingredienti.

20130607_203500

Ingredienti:

Preparazione:

Fatevi preparare dal vostro macellaio due petti di faraona, conservando i filettini centrali che vi serviranno per la farcitura.

20130607_180526

Il mio macellaio (Davide dell’Argal) mi ha gentilmente prestato un oggetto utilissimo per la preparazione di questo piatto …. un ago enorme apposta per cucire la povera malcapitata faraona 🙂

20130607_180611

Cucire non è esattamente la cosa che mi riesce meglio, ma devo dire che (come vedrete più avanti) me la sono cavata egregiamente.

Detto questo, procedete con la farcitura della faraona.

Tagliate finemente i filettini ricavati dai due petti di faraona, riducendoli a piccoli tocchetti e unite i 3/4 del gorgonzola, tagliato anch’esso a piccoli pezzi (l’altra parte vi serivrà per condire l’insalatina)

20130607_181547

mescolate per bene e farcite i petti di faraona.

20130607_181753

Chiudete i due petti a libro e cuciteli con dello spago da cucina (se non siete provvisti di ago e spago specifici, potete tranquillamente chiudere i petti di faraona con degli stuzzicadenti).

20130607_182316

In padella, fate scaldare un goccio d’olio;

20130607_194337

mettete a rosolare a fiamma bassa e da entrambi i lati, i petti di faraona farciti.

20130607_194802

Quindi, trasferiteli in forno, per 20 minuti, a 150°.

20130607_200115

Intanto che attendete la cottura dei petti di faraona, preparate il condimento:

In padella, a fiamma viva, mettete del vino barbera, l’aceto balsamico e lasciate evaporare per qualche secondo,

20130607_200253

quindi aggiungete 3/4 delle ciliegie bel lavate e private del picciolo (le altre tenetele da parte per l’insalatina);

20130607_184228

infine, unite un po’ di burro, per legare.

20130607_200831

Quando la salsina sarà abbastanza ristretta togliete dal fuoco e tenete al caldo.

Preparate l’insalatina:

Lavate l’insalata e aggiungiungete le ciliegie denocciolate e il gorgonzola che avete tenuto da parte. Condite moderatamente con olio, sale e aceto balsamico

20130607_184712

Una volta sfornati i petti di faraona, scaloppateli e adagiateli su dei piatti da portata.

20130607_202713

Servite i petti di faraona farciti con la salsa al barbera e ciliegie, e l’insalatina.

Questo piatto, oltre ad allietare la vista, lascierà piacevolmente soddisfatto anche il vostro palato.

Provare per credere 😉

Sformatino del buongustaio

Questo è un piatto che trovo delizioso e nella sua semplicità fa un gran bel figurone 🙂

Gli sformatini di queste dimensioni hanno un bell’aspetto e sono porzioni perfette per grandi e piccini.
Sono cotti in forno a bagnomaria e restano meravigliosamente soffici.

20130523_195513

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 mazzetto di asparagi
  • 100 gr di panna fresca
  • 100 gr di petto di pollo lessato
  • 1 albume
  • 50 gr di parmigiano grattuggiato
  • sale q.b.
  • burro q.b.
  • pangrattato q.b.

Preparazione:

Pulite gli asparagi, lavateli, lessateli in abbondante acqua salata e tenete da parte le punte.

20130523_182808

Tagliateli a pezzetti

20130523_184547

Tagliate a tocchetti anche il petto di pollo lessato e leggermente salato (io lo cuocio in una padella antiaderente senza condimento)

20130523_184705

Frullate gli asparagi ed il petto di pollo

20130523_184947

Unite ora la panna, il parmigiano e l’albume montato a neve ben ferma

20130523_190016

Distribuite il composto in 4 stampini imburrati e cosparsi di pangrattato.

20130523_190625

20130523_190839

Cuoceteli a bagnomaria in forno a 190° per circa 30 minuti

20130523_194835

Sformateli e serviteli decorati con le punte di asparagi.

Coniglio in crosta di pistacchi

I bocconcini di coniglio avvolti da una croccante e saporita panatura di pistacchi tostati: una ricetta per preparare il coniglio in maniera un po’ diversa dal solito.

Per chi non amasse la carne di coniglio, può essere sostituita da carne di pollo o di tacchino (anche più veloci da preparare, perchè non necessitano di marinatura).

20130604_201408

Ingredienti:

  • 500 gr di lombata di coniglio disossata (dell’ Argal di Meini Davide)
  • 60 gr di pistacchi tostati (io ho utilizzato quelli non salati)
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 1 albume d’uovo
  • 2 bicchieri di vino bianco
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • 1 cipolla piccola
  • olio q.b.
  • sale q.b.

Preparazione:

Per preparare il coniglio in crosta di pistacchi, prima di tutto chiedete al vostro macellaio di fiducia (io mi sono affidata come al solito a Davide dell’Argal) di prepararvi la carne già tagliata a tocchetti.

20130604_141649

Fate marinare i tocchetti di coniglio nel vino, con il sedano, la carota, la cipolla ed il rosmarino.

20130604_142052

Coprite con la pellicola e fate riposare il più a lungo possibile.

Togliete il coniglio dalla marinatura e asciugatelo per bene.

20130604_193703

Sgusciate i pistacchi 

20130604_182033

Tritate in un mixer i pistacchi (non troppo finemente) e aggiungete il pangrattato

20130604_182245

mescolate bene gli ingredienti per ottenere una panatura omogenea.

Intingete i bocconcini nell’albume d’uovo, una alla volta,  prestando attenzione a ricoprire tutta la superficie della carne, quindi impanateli con la panure preparata, pressando bene su tutti i lati, in modo da ottenere una panatura il più possibile uniforme.

20130604_194027

20130604_194801

Cuoceteli in una padella antiaderente con abbondante olio caldo, da entrambi i lati finchè non risultino ben cotti e leggermente dorati e salate (moderatamente se avete utilizzato pistacchi salati).

20130604_195016

Scolate i bocconcini, e metteteli ad asciugare su un foglio di carta assorbente

Servite immediatamente, accompagnando con contorno a piacere.

Io li ho serviti con zucchine grigliate e condite con sale, olio e prezzemolo.

Cotolette in carpione

Non so se la bella stagione ci accompagnerà ancora per molto, ma oggi voglio proporvi un altro piatto tipicamente estivo, che amo e preparo spesso ed è comodissimo perchè si può cucinare e poi conservare per un paio di giorni in frigorifero. Ottimo anche per deliziare le vostre gite fuori porta.

20130618_133259

Ingredienti:

  • 8/10 fettine di tacchino (belle magre)
  • 1 cipolla grossa
  • 1 uovo
  • 2 bicchieri d’acqua
  • 1 bicchiere di aceto di vino bianco
  • salvia q.b.
  • pane grattuggiato q.b.
  • sale q.b.
  • olio per friggere q.b.

Procedimento:

Battete le fettine con un batticarne, in modo da renderle più sottili possibile.

20130617_184247

Passatele poi nell’uovo sbattuto e panatele con il pane grattuggiato.

20130617_184521

Friggetele un po’ per volta in una padella antiaderente con olio ben caldo e salate.

20130617_185351

Disponetele su carta assorbente, eliminando l’olio in eccesso.

20130617_191336

Preparate il condimento, rosolando la cipolla tagliata sottilmente in una padella con un po’ di olio,

20130617_190946

aggiungete poi 2 bicchieri d’acqua, 1 bicchiere di aceto e qualche fogliolina di salvia. Fate scaldare per qualche istante e togliete dal fuoco.

20130617_191347

Mettete le cotolette in un contenitore capiente

20130617_191620

coprite con il condimento ancora bello caldo,

20130617_191727

fate raffreddare, coprite e mettete in frigo.

Togliete le cotolette dal frigorifero una mezz’ora prima di servirle e se le consumate il giorno dopo …. sono ancora più buone! 🙂

P.s.:

Le quantità di acqua e aceto, vanno aumentate proporzionalmente a quante cotolette dovete ricoprire.

Inoltre la quantità di aceto è puramente indicativa …. a chi piace più brusco, a chi più delicato…

Rolata di tacchino

Un secondo piatto profumato e saporito, semplice da preparare (anche se un po’ laborioso), che può essere farcito con ingredienti ogni volta diversi a seconda dei gusti. E’ ottimo servito caldo con la sua salsina, ma può essere gustato anche freddo accompagnato con della senape o altra salsa.

20130517_190652

Ingredienti:

  • 1 grossa fetta di fesa di tacchino aperta a libro (dell’ Argal di Meini Davide)
  • 1 ciuffo di salvia
  • 2 rametti di rosmarino
  • 3 uova
  • 2 cipollotti
  • 2 cucchiai di parmigiano
  • 4 fette di mortadella
  • 3 cucchiaini di patè di olive taggiasche
  • spago da cucina
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 1 cipolla piccola
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • olio q.b.
  • sale q.b.

Procedimento:

Mondate i cipollotti, tagliateli a fettine sottili e stufateli in una padella di 24cm di diametro, con un filo d’olio e un pizzico di sale.

20130517_115153

Sbattete le uova in una ciotola con il sale ed il parmigiano e versatele nella padella con i cipollotti.

20130517_115243

Lasciate cuocere la frittata per 5 minuti girandola sui due lati.

20130517_115755

Stendete la fesa di tacchino su di un foglio di carta da forno, sovrapponetene un altro e battete la carne fino ad ottenere una fetta larga e sottile.

Con una mezzaluna tritate finemente la salvia e il rosmarino, aggiungete un pizzico di sale e stendete il tutto sulla fesa.

20130517_120003

Disponete ora la frittata (raffreddata) sulla fesa e spalmatela con un paio di cucchiaini di patè di olive o se preferite con olive denocciolate tagliate a rondelle.

20130517_120350

Coprite con le fette di mortadella

20130517_120513

Spolverizzate con un po’ di parmigiano

20130517_120613

Aiutandovi con la carta da forno, arrotolate la carne e legatela con lo spago (impresa un po’ ardua … se può esservi d’aiuto date un’occhiata qui)

20130517_122212

Mettete la rolata in una pentola dai bordi un po’ alti con un filo di olio e rosolatela da tutti i lati.

20130517_130951

Irroratela con il vino e lasciatelo evaporare.

Unite la cipolla, la carota e il sedano tagliati grossolanamente, aggiustate di sale e cuocete per circa 40 minuti, aggiungendo se necessario un po’ di brodo vegetale o acqua calda.

Una volta cotta, fatela raffreddare e passate al mixer il fondo di cottura con le verdure, fino ad ottenere una salsina.

20130517_145030

Tagliate la rolata a fettine e scaldatela con la salsina di accompagnamento poco prima di servirla.

20130517_192023

Orata al cartoccio

L’orata al cartoccio è un secondo dal sapore estivo.  Un piatto leggero, gustoso e velocissimo da preparare, ottimo per assaporare l’orata in tutta la sua delicatezza. La  cottura nel cartoccio preserva infatti aroma e sapore.

Orata al cartoccio

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 orate (eviscerate dal pescivendolo)
  • 2 spicchi d’aglio
  • sale q.b.
  • olio q.b.
  • 1 limone
  • prezzemolo q.b.

Preparazione:

Lavate le orate sotto un getto di acqua corrente e asciugatele con un panno.

 20130426_194045

Prendete ora un foglio di carta di alluminio abbastanza grande e disponetevi sopra l’orata: salatela internamente ed esternamente, riempitela con uno spicchio di aglio spellato

20130426_194449

e irrorate con un filo d’olio.

Eseguite lo stesso procedimento anche per l’altra orata, quindi chiudete il pesce nel cartoccio con all’interno tutti gli ingredienti, avendo cura di non schiacciare troppo il contenuto.

20130426_194646

Mettete in forno preriscaldato a 200° per 20/25 minuti.

Servire subito guarnendo a piacere con degli spicchi di limone e qualche fogliolina sminuzzata di prezzemolo.

Polpette di pollo con cuore di formaggio

Delle classiche polpette arricchite da un cuore morbido di formaggio, per renderle un po’ più stuzzicanti. Piacciono ai grandi e anche ai più piccoli.

20130504_133142

Ingredienti per circa 9/10 polpette:

  • 300 grammi di petto di pollo macinato (dell’ Argal di Meini Davide)
  • 2 cucchiai di parmigiano grattuggiato
  • 1 uovo
  • 1 ciuffo di prezzemolo tritato
  • un pezzetto di pecorino toscano di media stagionatura tagliato a tocchetti
  • sale q.b.
  • olio q.b.
  • pangrattato q.b.

Procedimento:

Unite al petto di pollo macinato il parmigiano grattuggiato, l’uovo, il prezzemolo, il sale e un cucchiaio di pangrattato e amalgamate per bene.

20130514_115848

20130504_130056

Se l’impasto fosse ancora troppo morbido aggiungete un mezzo cucchiaio di pangrattato.
Fate delle polpette, posizionando al centro un pezzetto di pecorino.

20130504_130435

Passate le polpette nel pangrattato.

20130504_131109

20130504_131549

Scaldate una padella con olio a ricoprire il fondo e cuocete le polpette, da ambo i lati finchè non saranno dorate.
20130504_131714

Con una schiumarola togliete le polpette e mettetele su della carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.

20130504_132751

Servite calde, accompagnate con contorno a piacere.

20130504_133334

P.s.: Se avete voglia di farne una ricetta “svuota frigo” potete utilizzare dei pezzetti di formaggio avanzati in frigo. Quello che avete andrà bene, questa è una ricetta che si presta tranquillamente a delle variazioni, lasciate pure spazio alla fantasia.

Scottata di vitella con rucola e scaglie di parmigiano

Una ricetta estiva, fresca e leggera, per chi vuole preparare delle fettine di carne in modo diverso e in pochi minuti.

Un’interessante curiosità trovata girovagando in rete:

“I ritrovamenti fossili hanno permesso di capire che gli uomini consumano carne da molto molto tempo. La carne contiene una grande varietà di elementi nutritivi, come proteine di alta qualità, vitamina D, vitamine del gruppo B, in particolare la B12, ferro, zinco e selenio. Un consumo equilibrato di carne è importante per una dieta bilanciata e salutare”

20130507_131503

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 fettine di vitella piemontese (dell’ Argal di Meini Davide) – 400 gr circa
  • farina q.b.
  • olio q.b.
  • una noce di burro
  • sale q.b.
  • parmigiano in scaglie q.b.
  • 50 gr di rucola

E’ essenziale per la bontà di questo piatto che la carne sia molto tenera e di ottima qualità.

20130507_121948

20130507_124603

Procedimento:

Infarinate le fettine di carne

20130507_130252

Mettete in una padella antiaderente (un po’ capiente) un filo d’olio ed una noce di burro

20130507_123324

Scottate velocemente la carne da entrambi i lati, cercando di mantenere una media cottura e salate (visto che è un piatto che va fatto sul momento e la fettina di carne dev’essere bella grande, vi consiglio di prepararne una alla volta)

20130507_130357

Spegnete il fuoco, disponete sulla carne le scaglie di parmigiano e coprite con un coperchio, giusto un attimo per far ammorbidire leggermente il formaggio.

20130507_130655

Impiattate e servite immediatamente, ricoprendo la carne con la rucola

20130507_131032

E’ ideale accompagnata con un’insalatina di pomodori o verdurine grigliate.