Finalmente l’impasto giusto per pizza e focaccia

Non posso crederci, sono seduta qui davanti al pc e scrivo finalmente una ricetta, ma quante ne ho da scrivere??? Almeno 10!

Mi servirebbe tanto tanto più tempo, per dedicarmi come vorrei al mio blog. Vorrei fare per bene le foto passo passo, con calma e con la luce giusta, ma con le mie piccole birbe, in questo momento non ce la faccio proprio, quindi mi accontento di questi attimi e non pretendo troppo.

Perdonatemi se le foto non sono delle migliori e se non includono tutti i passaggi, ma questa ricetta avevo proprio voglia di condividerla con voi, è stupefacente! Sicuramente la migliore ricetta per pizza e focaccia che io abbia trovato e testato fin ora.

E’ frustrante seguire alla lettera il procedimento di impasti per pizze che poi si rivela un totale fallimento. Questo dipende dal fatto che le dosi e il procedimento non sono adeguati agli strumenti che abbiamo a disposizione nelle nostre cucine. E allora tocca rinunciare? Certo che no! Bisogna solo adottare parametri ad hoc o affidarsi a dei grandi maestri in materia.

Per questo quando ho scovato questa ricetta, che probabilmente molti di voi già conosceranno, non ho esitato, ero sicura che quest’impasto non mi avrebbe delusa, perchè è del “Re dei lievitati”: Gabriele Bonci.

20150206_130739

INGREDIENTI PER UN IMPASTO PER 6/8 PERSONE:

  • 1 kg di farina tipo 0 o 1
  • 7 g di lievito di birra secco
  • 800 g di acqua
  • 15/18 g di sale
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva (l’olio è facoltativo, ma io lo utilizzo perchè aiuta a rendere la pizza più soffice e conservabile)

PROCEDIMENTO:

Iniziamo con la preparazione dell’impasto:

Miscelate la farina con il lievito. Quindi incorporate l’acqua, poco per volta ee mescolate con cura. (In questa fase è meglio non sporcarsi le mani, mescolate gli ingredienti in una ciotola, usando un cucchiaio di legno e muovendovi dai bordi verso l’interno).

L’acqua va aggiunta gradatamente e solo quando la farina ha assorbito tutta l’acqua, versatene ancora. Il liquido è importante, dev’essere a temperatura ambiente.

Con l’ultima parte di acqua, aggiungete il sale ed infine l’olio.

E’ fondamentale non farlo prima, sennò neutralizzera i microorganismi responsabili della lievitazione).

Non esistono dosi precise per ottenere impasti perfetti. E’ importante sviluppare l’intuito e la sensibilità necessari a variarle ad occhio, in base al variare delle condizioni climatiche ed al tipo di farina. Non preoccupatevi se alla fine l’impasto vi sembrerà troppo molle. Con la lievitazione si rassoderà.

Più l’impasto è idratato più buona sarà la pizza.

Acquisendo una buona manualità e imparando a conoscere i vari prodotti del mulino, si può riuscire ad impastare un chilo di farina con 900 grammi di acqua.

Dopo aver unito tutta l’acqua, lavorate per bene l’impasto (meglio con un’impastatrice se non si è troppo pratici) fino ad ottenere una massa liscia, morbida ed elastica.

L’impasto è pronto per la prima lievitazione: oliate una ciotola, adagiate l’impasto, coprite con un canovaccio e lasciate riposare per almeno 15 minuti, a temperatura ambiente.

Ora dovete lavorare l’impasto per asciugarlo e dargli struttura. Rovesciate l’impasto su un piano leggermente infarinato e allargatelo picchiettando sulla superficie. Quando avrà l’aspetto di un rettangolo, prendete due lembi e ripiegatelo su se stesso (a portafogli per intenderci).

Giratelo di 90 gradi e ripetete l’operazione per tre volte.

Tutta la procedura di piegatura va ripetuta altre tre volte in 60 minuti, aspettando circa 15 minuti tra una piegatura e l’altra.

Riponete l’impasto in una ciotola oliata, grande almeno il doppio dell’impasto, coprite con la pellicola e lasciatela riposare nella parte bassa del frigorifero per almeno 18 ore, meglio se 48.

E’ importante che durante la fase di lievitazione, la temperatura e l’umidità dell’amiente rimangano il più possibile costanti, per questo il frigorifero è il posto migliore. Al freddo la lievitazione è più lunga, dura circa 24 ore, ma almeno avviene senza sbalzi.

L’impasto una volta lievitato dovrà essere raddoppiato di volume e dovrà presentarsi all’incirca così:

20150205_102938

Una volta tolto dal frigorifero lasciate rinvenire l’impasto, tenendolo a temperatura ambiente una decina di minuti.

Ora mettete l’impasto sulla spianatoia, che avrete spolverato con un po’ di farina. Strapazzatelo il meno possibile, altrimenti perderà elasticità.

Ora dovete suddividerlo in panetti sufficienti a rivestire ogni teglia.

Ricavateli tranciando l’impasto di netto, con l’aiuto di una spatola o coltello.

Infarinate il piano di lavoro e i panetti e allargateli delicatamente massaggiandoli con le dita dal centro verso i bordi finchè avranno la forma e le dimensioni delle teglie.

Trasferite l’impasto sulla teglia leggermente unta e spennellate la superficie con un po’ di olio.

Lasciate riposare l’impasto ancora un’oretta e poi potete condire la pizza a piacimento.

Se decidete di preparare una focaccia, preparate un’emulsione di acqua, olio e sale e distribuitela uniformemente sopra l’impasto.

Cuocete in forno preriscaldato a 250°, abbassando la temperatura a 220° nel momento in cui infornate. Posizionate la teglia a contatto con il fondo del forno per 10 minuti poi, trasferite la teglia al centro del forno per altri 10/15 minuti.

20150206_130259

 

20150205_193433

20150205_200230

Ed ora godetevi la vostra pizza.

Buon appetito!

Annunci

Baci di dama

Allora avete salutato l’anno passato e dato il benvenuto a questo nuovissimo 2014?
Immagino di si!
Ho deciso di iniziare in dolcezza con questa ricettina dei baci di dama, dei biscottini fragranti ed irresistibili, per mandare a tutti voi mille baci virtuali, con l’augurio che sia un anno prospero, ricco di soddisfazioni, felicità, salute e ………….. pieno d’amore ❤
20131222_172411
INGREDIENTI PER 45 BACI:
  • 125 g di farina 00
  • 125 g di fecola
  • 150 g di burro
  • 60 g di zucchero a velo
  • 100 g di nocciole pelate
  • 60 g di zucchero semolato
  • 1 uovo
  • 150 g di cioccolato fondente (o al latte a seconda dei vostri gusti)

20131222_145413

PROCEDIMENTO:

Lasciate ammorbidire il burro a temperatura ambiente. Tritate finemente le nocciole con lo zucchero semolato.

20131222_145550

In una ciotola lavorate a crema il burro,

20131222_150529

incorporatevi la farina, la fecola, lo zucchero a velo, le nocciole tritate e l’uovo.

20131222_145930

Mescolate fino a ottenere un impasto omogeneo di media consistenza.

Con l’impasto ottenuto fate una palla, schiacciatela leggermente e copritela con la pellicola, quindi mettete il panetto in frigorifero a riposare almeno per un’ora.

20131222_152251

Trascorso il tempo necessario estraete l’impasto dal frigo, dividetelo in circa 80/ 90 palline tutte uguali e schiacciatele appena. Disponetele su di una teglia su cui avrete messo un foglio di carta fa forno e cuocete in forno caldo a 170° per circa diciotto-venti minuti.

20131222_161219

Una volta cotti i biscotti, fateli raffreddare su una gratella.

20131222_163508

Nel frattempo prendete il cioccolato, tagliatelo a pezzi grossi e fatelo sciogliere a bagnomaria.

20131222_163559

20131222_163845

Mettete il cioccolato sciolto in una sac-à-poche e stendetene un po’ sulla parte piatta di un biscotto, quindi richiudete con un’altro biscotto.

20131222_164724

Completati i baci di dama alle nocciole, poneteli su una gratella; quando il cioccolato si sarà asciugato, i biscottini resteranno uniti e saranno pronti da gustare!

Biscotti con farina di castagne, miele e cioccolato

Oggi vi propongo dei biscotti, che (secondo me) vale la pena provare.

E’ interessante trovare ricette di dolci, che pur non contenendo latte, uova, burro e zucchero sono comunque ottimi.

Ho trovato questa particolare ricettina sul blog dello chef Giuseppe Capano e non ho resistito alla tentazione di provarli, modificando solo le dosi in base alle quantità che io desideravo.

Ecco il risultato ….. con una presentazione Natalizia (ovviamente 😉 )

20131127_185705

Ingredienti per 40 biscottini circa:

  • il succo e la scorza grattuggiata di 1/2 arancia,
  • 100 grammi di cioccolato fondente,
  • 100 g di farina di castagne,
  • 200 g di farina 00,
  • 1/2 bustina di lievito per dolci,
  • 100 g di miele d’acacia,
  • 60 ml di olio d’oliva

(se non avete a disposizione l’arancia, potete sostituire con 1 ml di aroma d’arancia e un pochino di latte)

Preparazione:

Riducete in sottili scaglie il cioccolato fondente, rivestite una teglia con carta da forno.

Setacciate insieme le farine con lo lievito e su un tavolo di lavoro formate una fontana, mettete nel mezzo il miele, la scorza d’arancia e l’olio.

Impastate fino a ottenere una pasta morbida e omogenea, se troppo secca versare un poco di succo d’arancia, e solo a questo punto aggiungete il cioccolato in scaglie amalgamandolo con cura.

Stendete la pasta a 3-4 mm circa di spessore e ricavate delle formine a fiore o con una forma a vostro piacere.

20131127_175814

Disponete poi i biscottini nella teglia, sulla quale avete messo la carta da forno.

20131127_180922

Cuocete in forno preriscaldato a 160° per 10-15 minuti

20131127_182521

Sfornate e lasciate raffreddare.

P.s.: Ho avuto un po’ di problemini con le foto, purtroppo mancano le prime che dettagliavano l’impasto. Vi consiglio comunque di avere un po’ di pazienza perchè l’impasto non è facilissimo da lavorare come quello di una semplice frolla per biscotti.

Mi raccomando di aggiungere (come indicato sopra) il cioccolato solo una volta che l’impasto abbia preso la giusta consistenza.

Kisses 😉

“Con questa ricetta partecipo al contest Idee gustose per un regalo di Ideeintavola”

Contest Idee in tavola

Pan brioche “mania” ….. il mio Albero di Natale

Non ho potuto resistere alla tentazione e dopo aver visto mille immagini di pan brioche impazzare per tutto il web (da facebook ai vari blog di cucina), dovevo provarlo anch’io 🙂 ed ecco quindi la mia versione del pan brioche natalizio.

Sono sicura che chi non l’ha ancora sperimentato, lo farà sicuramente e quale miglior occasione se non il Natale per portare in tavola questo scenografico dolce?!

Vi assicuro che è anche molto buono 🙂

Oltre a questa versione a forma di albero ne esiste anche un’altra carinissima a forma di stella, che ha sperimentato un’amica foodblogger Silvia (se volete dargli un’occhiata eccolo qui!)

20131120_153757

Ingredienti:

  • 250 gr di farina 00
  • 250 gr di farina manitoba
  • 2 uova
  • 60 gr zucchero
  • 180 gr di latte
  • 30 gr burro
  • 1 bustina di lievito di birra secco (oppure 12 gr di lievito di birra fresco)

Per farcire e decorare:

  • nutella q.b.
  • 2 cucchiai di latte
  • 1 manciata di smarties
  • zucchero a velo q.b.

Procedimento:

In un contenitore ampio miscelate le farine, aggiungete lo lievito e lo zucchero, mescolate bene.

Formate un buco al centro e sgusciate le uova

20131120_112458

sbattetele leggermente, poi aggiungete a filo il latte e il burro sciolto in precedenza e fatto intiepidire, lavorate il tutto con le mani fino a formare un impasto morbido

20131120_113449

Coprite la ciotola con la pellicola e lasciate lievitare in luogo caldo fino al raddoppio di volume.

Dividete l’impasto in 4 parti uguali

20131120_132032

Stendete ognuna fino a formare un rettangolo alto pochi millimetri da cui ricaverete poi un triangolo.

Ponete il primo triangolo sulla teglia e spalmate sopra un velo di nutella lasciando 1 cm dai bordi, coprite con l’altro triangolo  facendo aderire delicatamente e sigillando bene i bordi, poi spalmate sopra un altro strato di nutella, proseguite così fino a finire i triangoli. Iniziate a praticare i tagli, cosi come rappresentato in figura.

Albero 2

Lasciate lievitare circa 30 minuti poi spennellate delicatamente con un pò di latte infornate per circa 25/30 minuti a 180°.

20131120_152952

Lasciate intiepidire, spolverizzate con zucchero a velo e decorate a piacere con degli smarties così da rendere ancora più bello il vostro alberello 🙂

P.s.: Con i ritagli di pasta avanzati potete fare dei piccoli bocconcini di pan brioche come ho fatto io e vi assicuro che se avete dei bimbi apprezzeranno moltissimo 🙂

Con questa ricetta partecipo al 9° contest di Deliziandovi:

Christmas Time

banner-christmas-time

Torta di Ramassin

Sono un po’ in ritardo con la pubblicazione di questa ricetta, infatti le ramassine finiscono la loro stagionalità con il termine dell’estate, ma voglio comunque condividerla con voi e se vi piace l’idea magari la prima volta che vedrete queste prugnette vi ricorderete della mia torta e verrete a spulciare tra le mie ricette per sperimentarla.

Qualche curiosità su questo dolce frutto delle mie zone:

Il Ramassin del Saluzzese fa parte del gruppo delle susine cosiddette “Siriache”, originarie della Siria. Il frutto di piccole dimensioni presenta a maturità un colore blu violaceo e una volta maturo tende a cadere a terra. Questa caratteristica fa sì che il Ramassin tradizionalmente venga raccolto a terra, solo quanto i frutti hanno raggiunto la piena maturazione, e venga commercializzato senza classi qualitative di grandezza o di peso. Si tramanda che la vendita tradizionale non avvenisse a peso, ma bensì “al palot”, cioè un tanto per ogni piccola pala di susine. Il frutto, oltre che per le piccole dimensioni, si differenzia dalle comuni susine per la sua dolcezza e per la sua aromaticità che lo rendono inconfondibile.

Informazioni tratte dal sito dei prodotti tipici della Provincia di Cuneo

SAM_0266

Ingredienti:

  • 1 kg di susine (ramassin)
  • 2 uova
  • 120 gr. di zucchero di canna
  • 1/2 bicchiere di panna liquida
  • 250 gr. di farina 00
  • 1 bustina di lievito
  • zucchero a velo
  • burro q.b.
Preparazione:
Togliete il picciolo alle prugne, lavatele e sbollentatele velocemente in acqua.
SAM_0241
Attendete che si intiepidiscano, quindi disossatele ed eliminate la buccia.
SAM_0242
SAM_0244
(Se non vi da fastidio la buccia, potete anche evitare di sbollentarle, tagliatele semplicemente a fettine e disponetele a raggiera sulla torta prima di infornarla).
In una terrina sbattete le uova con lo zucchero di canna fino ad ottenere un impasto bello spumoso.
SAM_0246
Incorporate quindi, poco per volta la farina e lo lievito sempre continuando a mescolare e la panna (non montata)
SAM_0247
Unite ora 2/3 delle prugne
SAM_0251
Amalgamatele per bene e versate l’impasto ottenuto in uno stampo a cerniera imburrato.
SAM_0253
Guarnite con le prugne rimaste
 SAM_0255
Mettete in forno preriscaldato a 180° e fate cuocere la torta per 30 min. coperta con una carta d’alluminio, poi togliete la carta e lasciate ancora cuocere per 15/20 min.
SAM_0262
Sfornate, lasciate raffreddare e spolverizzate a piacere con zucchero a velo.
SAM_0265