Brasato al barolo

Un piatto della tradizione non solo della Langa dei grandi vini piemontesi, ma di tutto l’antico Piemonte, un gran secondo ideale da portare in tavola il giorno di Natale.

Potete dedicarvi con tutta calma alla sua preparazione anche uno o due giorni prima, in quanto necessita di parecchie ore di marinatura, ma è l’ideale, perchè ci sono sempre molte altre cose da fare e preparare, se decidiamo di avere ospiti a casa in questi giorni di festa. Una volta pronto potrà essere affettato, conservato in frigorifero e scaldato appena prima di essere servito.

Inoltre se vi avanza del sughetto è ottimo per condire agnolotti del plin o tagliatelle di pasta fresca ed ecco pronto anche un buon primo per il giorno di Santo Stefano 🙂

20131122_182717

Ingredienti per 6 persone:

  • 1,2 kg di carne per brasato (io ho utilizzato il tondino di spalla dell’ Argal di Meini Davide)
  • 1 bottiglia di Barolo docg
  • 2 carote
  • 1 grossa cipolla
  • 1 gambo di sedano
  • 2 foglie di alloro
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 chiodi di garofano
  • 3 bacche di ginepro
  • 1 rametto di timo
  • farina q.b.
  • olio e.v.o. q.b.
  • sale q.b.
20131121_095420

Un ringraziamento all’Argal per l’ottima carne

Procedimento:

Mettete la carne in un contenitore abbastanza capiente con la cipolla, le carote, il sedano tagliati a pezzetti e gli altri aromi e versatevi sopra la bottiglia di Barolo.

20131121_212640

Lasciate la carne in marinatura per 12 ore, girandola ogni tanto.

20131122_135138

Al momento di cucinarla, scolatela dalla marinata, asciugatela e infarinatela per bene.

20131122_135813

Mettete la carne in una capiente padella con un filo d’olio, fatela rosolare a fuoco vivace in modo uniforme e salate.

Unite la marinata con tutte le verdure (eliminando i chiodi di garofano, le bacche di ginepro, l’alloro ed il rosmarino) e fate cuocere per circa 2 ore, girando il brasato ogni tanto.

Quando la carne sarà cotta, toglietela dal suo fondo di cottura e una volta raffreddata affettatela.

20131122_180242

Intanto passate al mixer il fondo di cottura

20131122_180850

Quindi versatelo nella padella dove avrete adagiato le fette di brasato e riscaldate il tutto un attimo prima di portare in tavola.

Servite il brasato al barolo con un purè di patate o con delle eleganti patate duchessa.

20131123_193446

Annunci

Bonèt …. il dolce tipico del Piemonte

In vista del Natale ripropongo questa ricetta tipica della mia Regione

LA MIA CUCINA SEMPLICE

Un dolce squisito e goloso che almeno una volta nella vita bisogna assaggiare 🙂 è tipico della tradizione piemontese e per questo non può certo mancare tra le mie ricette.

Se non avete tempo e voglia di prepararlo, lo potrete sicuramente gustare in qualsiasi ristorante tipico del Piemonte, perchè è sempre presente nella lista dei dolci della casa.

Qualche curiosità sul termine “bonèt”:

“In lingua piemontese il termine bonèt indica un cappello o berretto tondeggiante, la cui forma ricorda quella dello stampo in cui viene cotto il budino.

Di fatto lo stampo di rame in cui si cuocevano i budini e i flan, veniva chiamato bonèt ëd cusin-a cioè cappello da cucina, berretto del cuoco. Il dolce avrebbe quindi preso il nome dallo stampo. Questa è l’interpretazione che viene data dal vocabolario Piemontese/Italiano di Vittorio di Sant’Albino del 1859.

Un’altra interpretazione diffusa nelle Langhe, una delle zone…

View original post 223 altre parole

Risotto allo speck e melagrana

In preparazione al Natale, inizio a raccogliere le idee, per portare in tavola dei piatti un po’ diversi dal solito.

Un primo semplice e non troppo laborioso da preparare, potrebbe proprio essere questo risotto, che ha anche un’aspetto elegante e raffinato grazie ai chicchi di melagrana che sembrano quasi dei preziosi rubini.

Qualche curiosita sulla melagrana:

La pianta del melograno è conosciuta sin dall’antichità e il suo frutto, la melagrana è da sempre consumato fresco al naturale o in ricette particolari e buonissime.

Ricca di vitamine (A, C e del gruppo B) e di minerali (potassio e fosforo), la melagrana rinforza il sistema immunitario: per questo è auspicabile gustarne addirittura un paio al giorno in questo periodo, (fra ottobre e novembre), perché i suoi principi attivi ci preparano ad affrontare i malanni da freddo con un’azione simile a quella di un vaccino.

E’ inoltre un regolatore ormonale (sia per lui, che per lei), depura il sangue, è ricco di sali minerali diuretici ed è utile anche come antiossidante.”

20131119_200012

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:

  • 180 gr di Riso
  • 60 gr di Speck in un’unica fetta
  • 50 gr di Parmigiano grattuggiato
  • 1 Noce di Burro
  • 1/2 Bicchiere di Vino Bianco
  • 1 Melagrana
  • Brodo Vegetale q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • Sale q.b.
  • Olio e.v.o. q.b.

20131119_141623

PREPARAZIONE:

Innanzi tutto preparate del brodo vegetale e mettetelo da parte.

Pulite la melagrana, tagliatela a metà e da una parte ricavate il succo e dall’altra togliete i chicchi e mettete da parte.

20131119_143441

Tagliate lo speck a striscioline.

20131119_142218

Procedete ora con la preparazione del riso, mettete un po’ di olio in un’ampia padella e quando sarà ben caldo mettete lo speck e lasciatelo cuocere per qualche istane.

20131119_193110

Aggiungete ora il riso e fate tostare, mettete poi il vino bianco e lasciatelo sfumare.

20131119_193330

Proseguite la cottura del riso aggiungendo un po’ alla volta il brodo vegetale caldo.

20131119_193546

Quando il riso sarà al dente, mettete il succo di melagrana e mescolate bene per qualche minuto, giusto il tempo che sfumi il succo.

20131119_195412

Aggiungete ora i 2/3 dei chicchi.

20131119_195526

Spegnete la fiamma mettete il burro ed il parmigiano e lasciate mantecare per qualche istante.

Servite il riso caldo con una spolverata di prezzemolo fresco tritato e qualche chicco di melagrana come decorazione.

20131119_200158

P.s.: Io non ho aggiunto sale in quanto solitamente salo il brodo vegetale quando lo preparo, inoltre anche lo speck e il parmigiano danno parte della sapidità al piatto, pertanto regolatevi in base ai vostri gusti, considerando che il risultato finale è normale che abbia un retrogusto dolciastro per la presenza della melagrana.

Con questa ricetta partecipo al 9° contest di Deliziandovi:

“Christmast time”

banner-christmas-time

Pan brioche “mania” ….. il mio Albero di Natale

Non ho potuto resistere alla tentazione e dopo aver visto mille immagini di pan brioche impazzare per tutto il web (da facebook ai vari blog di cucina), dovevo provarlo anch’io 🙂 ed ecco quindi la mia versione del pan brioche natalizio.

Sono sicura che chi non l’ha ancora sperimentato, lo farà sicuramente e quale miglior occasione se non il Natale per portare in tavola questo scenografico dolce?!

Vi assicuro che è anche molto buono 🙂

Oltre a questa versione a forma di albero ne esiste anche un’altra carinissima a forma di stella, che ha sperimentato un’amica foodblogger Silvia (se volete dargli un’occhiata eccolo qui!)

20131120_153757

Ingredienti:

  • 250 gr di farina 00
  • 250 gr di farina manitoba
  • 2 uova
  • 60 gr zucchero
  • 180 gr di latte
  • 30 gr burro
  • 1 bustina di lievito di birra secco (oppure 12 gr di lievito di birra fresco)

Per farcire e decorare:

  • nutella q.b.
  • 2 cucchiai di latte
  • 1 manciata di smarties
  • zucchero a velo q.b.

Procedimento:

In un contenitore ampio miscelate le farine, aggiungete lo lievito e lo zucchero, mescolate bene.

Formate un buco al centro e sgusciate le uova

20131120_112458

sbattetele leggermente, poi aggiungete a filo il latte e il burro sciolto in precedenza e fatto intiepidire, lavorate il tutto con le mani fino a formare un impasto morbido

20131120_113449

Coprite la ciotola con la pellicola e lasciate lievitare in luogo caldo fino al raddoppio di volume.

Dividete l’impasto in 4 parti uguali

20131120_132032

Stendete ognuna fino a formare un rettangolo alto pochi millimetri da cui ricaverete poi un triangolo.

Ponete il primo triangolo sulla teglia e spalmate sopra un velo di nutella lasciando 1 cm dai bordi, coprite con l’altro triangolo  facendo aderire delicatamente e sigillando bene i bordi, poi spalmate sopra un altro strato di nutella, proseguite così fino a finire i triangoli. Iniziate a praticare i tagli, cosi come rappresentato in figura.

Albero 2

Lasciate lievitare circa 30 minuti poi spennellate delicatamente con un pò di latte infornate per circa 25/30 minuti a 180°.

20131120_152952

Lasciate intiepidire, spolverizzate con zucchero a velo e decorate a piacere con degli smarties così da rendere ancora più bello il vostro alberello 🙂

P.s.: Con i ritagli di pasta avanzati potete fare dei piccoli bocconcini di pan brioche come ho fatto io e vi assicuro che se avete dei bimbi apprezzeranno moltissimo 🙂

Con questa ricetta partecipo al 9° contest di Deliziandovi:

Christmas Time

banner-christmas-time

Crostata di farina di castagne con banane e cioccolato

Ogni tanto faccio qualche esperimento e visto che amo molto le castagne, ho voluto utilizzare proprio la farina di castagne per preparare questa crostata che in realtà avrebbe dovuto avere un ripieno di pere e cioccolato, ma visto che le pere che ho comprato questa mattina non mi convincevano per niente (avete presente quelle pere che quando le sbucciate più che pere sembrano mele, ecco! Praticamente una schifezza!), ho utilizzato l’unico frutto che a casa mia non manca mai … le banane 🙂 Eh già! Mio figlio è una piccola scimmietta.

Devo dire che il risultato non è male, anche se dovete amare i dolci veramente dolci per apprezzare questa torta e non avere paura delle calorie di troppo 😉

Anche solo con un ripieno di mele cotogne, non sarebbe affatto male e sicuramente per alcuni palati potrebbe essere un’ottima alternativa perchè molto meno dolce e calorica.

20131118_152720

Ingredienti:

  • 100 g di farina di castagne
  • 200 g di farina 00
  • 100 g di burro
  • 2 uova
  • 90 g di zucchero
  • 300 g di banane mature
  • 100 g di cioccolato fondente
  • un cucchiaino di lievito
  • zucchero a velo

Preparazione:

Amalgamate tutti gli ingredienti il burro morbido con lo zucchero, le uova, le farine e lo lievito.

Impastate velocemente, fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo e formate una palla, che farete riposare in frigorifero per almeno 30 min, avvolta nella pellicola trasparente.

20131118_133105
Fondete a bagnomaria il cioccolato, sbucciate le banane e tagliatele a rondelle. Dividete la pasta in due parti, una il doppio dell’altra.

Stendete la pasta con un mattarello e per rendere l’operazione più semplice (visto che la pasta risulta abbastanza morbida e appiccicosa) potete farlo mettendola tra due fogli di carta da forno.

20131118_133914

Foderate con la più grande uno stampo a cerniera di 24-26 cm,

20131118_134452

disponete sopra le banane e poi il cioccolato fuso, in modo irregolare.

20131118_134941
Ricoprite col secondo disco di pasta, sigillando bene i bordi.

20131118_140049

Mettete in forno già caldo a 180° per circa 25/30 minuti.

20131118_151655

Lasciate intiepidire e servite spolverizzando a piacere con zucchero a velo.

20131118_152129

Frittelle di mele

Questo è il periodo in cui amo cucinare le frittelle di mele. E’ uno di quei piatti che mi scalda il cuore, perchè riporta la mia mente a quand’ero piccola, a quando tornando da scuola con qualche amichetta trovavamo questa squisita merenda ad attenderci.
E’ un dolce semplicissimo da preparare, classico della cucina piemontese e da piemontese doc non potevo non proporvelo 🙂
20131104_200447
Ingredienti per 4 persone:
  • 150 gr di farina  00
  • 1 uovo
  • 50 gr zucchero
  • 1/2 bicchiere di latte
  • 1/2 cucchiaino scarso di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • 2 mele renette
  • 1/2 limone
Preparazione:

In una ciotola sbattete l’uovo con lo zucchero, poi aggiungete il latte e un pizzico di sale.

Amalgamate al composto la farina setacciata con lo lievito e lasciate riposare per 30 minuti.

20131104_192145

Sbucciate le mele e privatele del torsolo servendovi dell’apposito attrezzo.

20131104_192823

Tagliate quindi le mele a fette non troppo spesse e spruzzatele con un po’ di limone per non farle annerire.

20131104_193114

Passate le mele nella pastella

20131104_193155

e friggetele (poche alla volta) in abbondante olio caldo, finchè non saranno dorate da ambo i lati.

20131104_193436

Una volta cotte, adagiate le frittelle su carta assorbente in modo da eliminare l’olio in eccesso.

20131104_193736

Spolverizzate le frittelle ancora calde con un po’ di zucchero e servite.

Vellutata di porri e patate con crostini di pane

Ormai un pochino avrete imparato a conoscermi, la cucina credo esprima anche un po’ del nostro essere ed io per le cose light e soprattutto per le verdure non è che abbia una passione smisurata, amo di più i piatti belli conditi e gustosi :-), ma nel caso della vellutata di porri e patate faccio un eccezzione, perchè non manca certo in gusto (anzi) è proprio un piatto da leccarsi i baffi e che adoro.

Questo è il periodo ideale per zuppe e creme di verdura, le giornate si sono accorciate, alla sera fa presto buio e fa anche frescolino, quindi niente di meglio che scaldarsi con una gustosissima vellutata di porri e patate con dei crostini di pane belli croccanti.

20130930_195638

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 porri medi
  • 2 patate
  • 1/2 lt circa di acqua o brodo vegetale
  • parmigiano grattuggiato q.b. (facoltativo)
  • olio q.b.
  • burro q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • fette di pane casereccio

Preparazione:

Lavate i porri privateli della parte verde e dello strato esterno più duro e tagliateli a rondelle.

Fateli stufare in padella con un filo d’olio

20130930_190144

Pelate, lavate e tagliate le patate a piccoli tocchetti e unitele ai porri

20130930_190620

Aggiungete acqua o brodo (a vostra scelta) e lasciate cuocere coperto per circa mezz’ora o comunque finchè le patate non saranno ben ammorbidite, salate e pepate.

20130930_190728

Frullate il tutto fino ad ottenere una crema vellutata (nel caso risultasse troppo liquida aggiungete un pochino di amido di riso o altra farina)

Preparate ora i crostini, tagliate a tocchetti piccoli delle fette di pane casereccio

20130930_18360420130930_184857

Fate tostare il pane in una padella antiaderente unta con un po’ di burro

20130930_194342

Servite la vellutata bella calda, accompagnata dai crostini e irrorata con un filo di olio e.v.o. e una spolverata di parmigiano grattuggiato.

20130930_195607